I supereroi di Arrow: uomini e donne che combattono per la giustizia

Supereroi e fumetti spesso sfociano in un progetto per il piccolo schermo: è quanto è successo anche con la serie tv Arrow di Greg Berlanti, ispirato al personaggio di Freccia Verde dei fumetti della DC Comics.

In queste ultime settimane i fan sono in grande fermento per il lancio della quinta stagione, dove ci saranno ritorni inaspettati di personaggi del passato. Confermata la presenza di Stephen Amell, ovvero Oliver Queen o Green Arrow, così come quello di tutto il cast principale.

Stessa sorte anche per l’attrice Katia Cassidy che ha vissuto nel quarto capitolo la morte del suo personaggio Laurel Lance, ovvero Black Canary.

Stephen Amell è Oliver Queen: Green Arrow

Anche se si parla di supereroi ed eroine, bisogna considerare che ogni personaggio assume entrambe le facce della stessa medaglia ed i confini non sono così marcati. In Oliver Queen si può notare infatti come mostri più fragilità ed insicurezze nei suoi panni civili di quanto avvenga in quelli del giustiziere mascherato.

Un elemento dovuto anche al suo passato e che lo riporta costantemente al senso di colpa di essere stato malvagio.

Combattuto fra buono e cattivo, spesso Oliver dovrà prendere delle decisioni per evitare di ritornare al vecchio se stesso e questo non può che indicare una forte componente mentale e razionale nelle sue scelte.

Uno show al femminile: Felicity e Laurel

Felicity Smoak aka Overwatch, interpretata dall’attrice Emily Bett è in grado di tenere testa all’ex fidanzato Oliver. La mancanza di una figura paterna nella sua vita, le ha permesso di sviluppare doti come sicurezza, determinazione e lungimiranza.

Overwatch è molto di più di una semplice tata del resto della squadra e questo nonostante sia l’unico elemento a non agire sul campo, ma a gestire lo scenario su cui si muovono i suoi compagni. Di sicuro più spietata, Black Canary o Laurel Lance, forte del padre poliziotto, può contare su un forte senso della giustizia, un valore che assume diversi risvolti a seconda dei membri del team Arrow. arrow

Laurel è infatti proiettata verso la legalità e la lealtà, valori quasi del tutto assenti in John Diggle o Spartan, interpretato da David Ramsey. Quest’ultimo infatti è più propenso a fare di tutto pur di ottenere il proprio obbiettivo, inclinazione che lo ha portato a torturare il suo stesso fratello pur di salvare il team. Mentre Laurel è la personificazione dei classici buoni, Diggle si pone nel mezzo ed è difficile non vederlo varcare il confine, seppur sempre in un’ottica di salvezza.

Bianco e nero, bene e male: Thea e Malcolm

Diverso ancora il discorso per Speedy o Thea Queen. Il personaggio di Willa Holland ha subito diverse trasformazioni nel corso delle stagioni di Arrow. Oscurata spesso dalla figura del fratello Oliver, Thea ha sempre mostrato molte più fragilità ed insicurezze ed una certa propensione alle difficoltà.

Nel corso della terza stagione, infatti, il Pozzo fa emergere il suo lato oscuro ed una forte sete di sangue che le renderà impossibile continuare a stare nel team. Un animo ingenuo e più malleabile del fratello, che invece è in grado di captare più in fretta i segnali dati dagli eventi.

In perfetto contrasto fra buono e cattivo, padre e nemesi, Malcolm Merlyn mostra diverse sfaccettature nella serie. L’attore che lo interpreta è John Barrowman ed il suo personaggio è inizialmente un acerrimo nemico di Freccia Verde, per poi diventarne a volte alleato, ma senza distaccarsi troppo dall’ambiguità che lo contraddistingue.

Al primo posto dei suoi valori c’è innanzitutto la sete di potere ed il dominio, declassati al secondo posto con la scoperta che Thea è in realtà sua figlia. Solo a quel punto Malcolm mostrerà un lato più paterno ed altruista, ma sempre e solo dopo aver considerato la propria convenienza nel compiere determinate azioni. Nel quarto capitolo dello show, infatti, Merlin non esita un solo attimo a sacrificare Thea per non cedere il ruolo di Ra’s al Ghul alla rivale Nyssa.

I due estemi: Curtis e Damien

Con un grande salto da personaggio ricorrente a principale, Echo Kellum assumerà le sembianze di Curtis Holt anche nella quinta stagione ed oltre. Informatico ed entusiasta, ha scoperto infatti per caso il segreto di Green Arrow ed in un momento di difficoltà ha sostituito completamente la figura di Felicity.

Anche dal punto di vista dell’aspetto, Curtis si presenta un po’ come un nerd in grado di ideare al volo diverse soluzioni tecnologiche. Anche se per il team Arrow è Felicity ad avere questo ruolo, è invece lui a prenderne le redini proprio per l’eroina.

E’ infatti Curtis a ridare la possibilità a Felicity di poter ritornare a camminare, dopo un attacco di Damien Dahrk (Neal McDonough). Quest’ultimo rappresenta l’unione delle caratteristiche iniziali di Merlyn e del padre di Laurel, il Capitano Lance.

Arrogante, sicuro, calcolatore ed astuto, è sempre riuscito a sfuggire a chi lo voleva uccidere ed ha provocato la morte altrui milioni di volte. Ha un’idea progressista di se stesso e crede di essere in realtà il salvatore di Star City, in grado di portare la città ad un livello più moderno.

Post recenti




Giulia Granati Written by:

Comments are closed.